Le quattro funzioni dei comportamenti problematici: ieri mia figlia si è buttata a terra.

Ieri mia figlia si è buttata a terra e mia moglie è uscita dalla stanza.

Quando le ho chiesto perché mi ha detto: “me l’hai detto tu di ignorarla quando fa i capricci”.

Ok, ma in questo caso non erano “capricci”.

Educare significa permettere ai nostri figli di potersi adattare all’ambiente nel modo più efficace e migliore possibile.

Ogni volta che facciamo una cosa agiamo un piano finalizzato a ritrovare l’equilibrio psico-fisiologico  con i comportamenti che conosciamo già e che hanno funzionato in passato.

Se ho sete so che devo trovare l’acqua e metterla in bocca; ma non solo, ad esempio, qualcun altro sa che se si è arrabbiati basta urlare qualche secondo contro qualcuno e la rabbia scende.

Ecco, i nostri figli fanno esattamente le stesse cose. Anzi, è proprio quando sono piccoli che imparano a reagire al mondo cercando di ottenere la massima ricompensa emotiva col minimo sforzo. Peccato che ad un certo punto quello che funzionava a casa,  nella vita vera non funziona più e se urlano ai passanti, i passanti li lasciano semplicemente sbattere facendogli credere che sono più forti e a Palermo ne sappiamo qualcosa.

Torniamo ai comportamenti problematici dei nostri figli.

Ognuno di noi, tende a considerare problematico ogni comportamento che ci disturba. Questo è spesso vero, ma è solo una sensazione secondaria. In realtà un comportamento è problematico quando per ottenere qualcosa si fa qualcos’altro di inappropriato rispetto all’età e alle possibili strategie.

Se piango a tre mesi perché ho fame va bene; se piango a tre anni per lo stesso motivo invece non va più bene. Avrei già dovuto imparare a dire: “ho fame”.

Allora, perché mia figlia si è buttata a terra, sdraiata a pancia in su, immobile ed in silenzio?

Giocava con le costruzioni e quando Valentina  le ha detto di conservarle e di raccogliere quelle sul pavimento, allora si è buttata a terra. Dopo, Valentina è uscita dalla stanza.

Greta ha vinto con un comportamento problematico.

Per gli psicologi, ogni comportamento problematico esprime una funzione e le funzioni possibili sono solo quattro. No mille, quattro!

Ogni volta che un nostro figlio fa qualcosa che a noi non sta bene, dovremmo prima di tutto capire qual è la funzione del suo comportamento e se sarebbe opportuno insegnargli qualcosa di migliore per fargli raggiungere lo stesso scopo. Questo significa educare.

Allora, le funzioni sono 4:

  • Fa una cosa perché vuole una cosa;
  • fa una cosa perché NON vuole una cosa;
  • fa una cosa per avere la nostra attenzione;
  • fa una cosa perché gli piace semplicemente farla per ottenerne piacere o sollievo.

Solo se ne comprendiamo la funzione,  possiamo agire efficacemente per far sì che la volta successiva il comportamento indesiderato non venga ripresentato.

Allora, perché mia figlia di due anni, si è sdraiata sul pavimento? Perché NON voleva fare una cosa: raccogliere le costruzioni.

Cosa ha fatto mia moglie? È uscita dalla stanza e poi quando è rientrata ha raccolto le costruzioni.  Cos’ha imparato Greta? “La prossima volta che non voglio fare una cosa mi butto a terra. Favoloso. Facile”.

Quando invece è utile ignorare un comportamento o uscire dalla stanza? Magari se Greta si buttava a terra per farsi prendere le costruzioni e cominciare a giocare, no finire di giocare. Cosa avrebbe imparato Greta in questo caso? Se voglio una cosa, buttarmi a terra o piangere o gridare non funziona. Cosa posso fare la prossima volta di più utile per raggiungere il mio scopo?

Sembrano banalità, in realtà, da genitori è facile commettere ingenuamente questi piccoli errori. Capita a tutti e non per questo significa educare male i propri figli.

Non sottovalutiamo inoltre che spesso accontentiamo i nostri figli e li facciamo smettere di piangere per stare bene noi che ci agitiamo inutilmente. Non dimentichiamo che i bambini sono geneticamente determinati a farci tenerezza e noi ormai soffriamo anche nel dirgli: “ora vai in castigo”.

 

Se hai trovato utile questo contributo, potresti mettere il “mi piace” alla pagina sul box in fondo. In questo modo saresti aggiornato automaticamente dei prossimi articoli. 

Comments

comments

2017-12-31T14:52:18+00:00By |Commenti disabilitati su Le quattro funzioni dei comportamenti problematici: ieri mia figlia si è buttata a terra.

Contact Info